vivere in sette tra profumo di pane, fruscio di pagine, ronzio di radio, risate di giochi e sogni di viaggi

lunedì 29 aprile 2013

Back from London

Ebbene sono qui. Di nuovo a casa.
Un po' con la testa ancora lassu`, ma gli impegni dei prossimi giorni mi tallonano: G. fara` la Prima Comunione il 5 maggio. Quest'anno ho deciso che il rinfresco sara` home made....manca pochissimo e mi devo ancora organizzare!!!!

Pero` ragazzi che bella Londra.
Ogni volta e` cosi`, resto incantata dalla sua vastita` e molteplicita`, razze umane che convivono ognuno con la sua` identita` ben stretta in tasca, ma in armonia.
Mi piace il melting pot, mi piace il casino di gente che cammina indaffarata, mi piacciono i colori sulla pelle delle persone: dipingono i marciapiedi e le strisce pedonali come fosse tutto un quadro impressionista.
Mi piace che in questa citta` ci sia tutto il mondo.
Mi piace che si possa mangiare di tutto a tutte le ore.
Mi piace che quando cammini per strada nessuno ti nota se hai le calze spaiate o un buco sui pantaloni. Qui e` cosi`, la gente comune non si fa ostinatamente i cavoli degli altri quando cammina per strada e non commenta il tuo stile nel vestire, hai diritto a metterti quello che ti pare, nessuno si scandalizza.
Ma se sei impacciato con una cartina in mano e non sai dove andare sicuramente nel giro di 2 minuti qualcuno si fermera` a chiederti:"May I help you?" e potra` essere un vecchio, un ragazzino, un giovanotto...e` un classico.

Ho rivisto cose e ne ho assaggiate di nuove, ma ogni volta e` la prima volta.
Ho ritrovato negozietti che mi ricordavo, mi sono orientata benissimo in citta` senza la cartina, ho assaggiato il cibo del pub e quello del turco, la piadina, il pane etnico e quello francese, la frutta secca nei sacchi e il caffe` nei bar. Ho fatto dei regalini e mi sono comprata un paio di scarpe (YESSSSSSS!) e soprattutto ho goduto del sole e dell'aria fresca. Quattro incredibili giorni di sole.
Ogni volta che vado a Londra e` cosi`. Si chiama culo.

Poi ovviamente mi sono goduta mia nipote.


N. ha un anno e mezzo e fra un mesetto avra` anche un fratello nuovo o una sorella non si sa.
Ha i capelli sottili biondo oro, la pelle liscia bianca, una boccuccia rosa piccolina che quando sorride piega da un parte, gli occhi color del muschio e un cervellino sempre in attivita`.
In queste settimane di pianificazione del viaggio mi sono spesso chiesta perche` i suoi genitori vogliano definitivamente tornare in Italia. Non ho una risposta precisa, non ho ancora capito fino in fondo. Una cosa e` sicura: sono completamente in controtendenza rispetto a quello che succede oggi ai giovani italiani. Londra e` piena di ragazzi italiani, piena letteralmente. Mio cognato ha un lavoro di tutto rispetto, ma molti di questi ragazzi vivono di lavoretti: barista, commesso in gelateria, pizzaiolo, impiegato nei musei e non vogliono tornare.
Pero` sono tanto contenta di sapere che N. abitera` a Venezia da quest'estate in poi, cosi` la vedro` piu` spesso. Peccato solo che non avremo piu` un punto d'appoggio a Londra...ho come la sensazione che non ci tornero` piu`.


 





 

 

8 commenti:

  1. siamo tornati sabato dal turco e la signorina ha ordinato di nuovo la pissss allo stesso cameriere.
    cmq...hemmmmm si è vero ha la bocca storta...ma gli occhi che vanno in giù?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che bocca stortaaaaa!!!! Comunque ho corretto il testo, probabilmente non si capiva abbastanza bene che e` BELLISSIMA!

      Elimina
  2. Davvero, è proprio bella...complimenti L., il prossimo sarà ancora + bello...se è possibile!!
    Ciao dalla cognata di tua cognata che conosci bene :-)
    Cmq sei fortunata Scake, perchè c'hai tutti nipoti belli, uno + bello dell'altro e se anche non lo fossero agli occhi degli altri sono belli cmq agli occhi di zia!

    Chia'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No lascia sta`...ssso proprio bbboni....

      Elimina
  3. Sempre bellissime foto qui, bimba e luoghi meravigliosi! Che fortuna aver trovato tanto sole, me ne mandi un po' anche qui?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un po' e` merito della mia macchina fotografica (mi alleno spesso a casa), ma la maggior parte del merito e` di quella citta` magnifica (e di mia nipote). Il sole e` rimasto lassu` mi pare...Qui diluvia...

      Elimina
  4. grazie a tutte dei complimenti...quando la mamma è gnocca cè poco da fare.
    peccato per gli occhi pisciati quello è colpa del padre.
    qui cè ancora tanto tanto sole..gli alberi son tutti fioriti..lo so fa voglia di non andarsene più..
    sona andata a mangiare il fish and chips a tower bridge..lo so fa voglia di non andarsene ancora di più..
    peccato che il vecchio che faceva il mars impanto e fritto ha chiuso bottega, i migliori se ne vanno sempre prima.
    e come diceva la nonna gina " impanà e fritte xe bone anca e sate dee careghe" (impanate e fritte son buone anche le zampe delle sedie" grandi lezioni di vita.

    RispondiElimina
  5. Tra i migliori che se ne vanno sempre prima ghe xe anca ea nonastra!!!!

    RispondiElimina